Samsung diventa numero 1 dei semiconduttori

Dall’update di novembre di IC Insights del rapporto McClean 2017, si nota che per la prima volta dal 1993, l’industria dei semiconduttori sarà testimone di un nuovo fornitore numero 1.

Samsung è stata l’azienda ad occupare il primo posto nel 2Q17 dove ha rimpiazzato Intel, che dal 1993 deteneva il primo posto.

Nel 1Q16, le vendite di Intel erano superiori del 40% rispetto a quelle di Samsung, ma in poco più di un anno tale lead è stato cancellato. Intel dovrebbe ora seguire Samsung nel ranking delle vendite di semiconduttori per l’intero 2017 di circa 4,6 miliardi di dollari.

Il forte aumento delle vendite di Samsung quest’anno è stato principalmente determinato da un incredibile aumento dei prezzi medi di vendita di DRAM e NAND Flash.

Nel 1993, Intel era il primo fornitore al mondo con una quota del 9,2% del mercato mondiale dei semiconduttori.

Nel 2006, Intel deteneva ancora il primo posto con una quota dell’11,8%. Nel 2017, le vendite di Intel rappresenteranno il 13,9% del mercato totale dei semiconduttori, in calo rispetto al 15,6% nel 2016. Al contrario, il mercato mondiale dei semiconduttori di Samsung è stato del 3,8% nel 1993, 7,3% nel 2006, 12,1% nel 2016 e le previsioni la porteranno al 15,0% nel 2017.

Per il 2017, i primi 10 leader dovrebbero avere una quota del 58,5% del mercato e questa sarebbe la più grande quota del mercato delle prime 10 detenute dal 1993.

I giganti delle memoria SK Hynix e Micron dovrebbero scalare la classifica dei primi 10 nel 2017 rispetto alla classifica del 2016. Spinti dall’impennata dei mercati DRAM e NAND flash, ogni azienda prevede di salire di due posizioni nella top 10, con SK Hynix in terza posizione e Micron al quarto posto.

Escludendo le fonderie, ci si aspetta che tra i primi 10 nel 2017 ci sia un nuovo player: Nvidia con sede in USA, che prevede di registrare un aumento del 44% delle vendite quest’anno e dovrebbe sostituire il fornitore fabless MediaTek, le cui vendite 2017/2016 dovrebbero scendere dell’11% a 7,9 miliardi di dollari.

Va notato che se le vendite previste di Qualcomm e NXP per quest’anno fossero combinate, come se l’acquisizione in sospeso di Qualcomm fosse già avvenuta, le vendite 2017 delle società sarebbero state di 26,3 miliardi di dollari, sufficienti per collocare l’entità combinata al terzo posto nella classifica dei primi 10.

Per il futuro c’è anche un po’ di incertezza, visto l’attuale tentativo di Broadcom di acquisire Qualcomm, mentre Qualcomm è in procinto di tentare di acquisire NXP.

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

IDEA News: la distribuzione elettronica in Europa e nel mondo
WSTS: prevista la crescita per il 2017 e 2018 per il mercato dei semiconduttori
Sfoglia in anteprima il nuovo numero di A&V Elettronica con i dati di mercato

Comments are closed.