La distribuzione dei semiconduttori in Europa continua a crescere a due cifre: Italia a +13,4%

L’industria europea dei semiconduttori non mostra segni di rallentamento nel Q2/2017.

Secondo DMASS (European Semiconductor Distribution Market), le vendite di semiconduttori, come riportate dai membri, si sono concluse con un altro record a 2,19 miliardi di euro, con un incremento del 17,3% rispetto al corrispondente trimestre dello scorso anno.

Per i primi sei mesi, DMASS ha registrato oltre 4,3 miliardi di euro di vendite consolidae di semiconduttori, il 14% in più rispetto alla prima metà del 2016. (Nota: DMASS copre l’80-85% dell’European Semiconductor DTAM).

Georg Steinberger, chairman di DMASS:

“La crescita dinamica negli ultimi nove mesi è stata senza precedenti. Le allocazioni significative in diversi settori di prodotti rendono difficile prevedere il resto dell’anno, ma è sicuro presumere che la crescita a due cifre continuerà fino al 2017. Il totale dei membri DMASS è di 8 miliardi di euro, record di tutti i tempi per l’intero anno. Ciò che sorprende è che l’impatto della crescita deriva da quasi tutti i settori industriali, guidati da un maggior contenuto elettronico in molte applicazioni “.

A livello regionale, Polonia, Turchia, Russia e Israele conducono l’onda della crescita, con un aumento tra il 30 e il 40%.

Le regioni più importanti trascinano la crescita complessiva: la Germania, come il più grande mercato unico, è cresciuta del 13,7% a 653 milioni di euro, l’Italia del 13,4% a 207 milioni di euro, il Regno Unito per 9,6% a 154 milioni e la Francia per 8,5% a 151 milioni di euro.
L’Europa orientale è cresciuta del 28,3% a 336 milioni di euro e i paesi nordici del 14,1% a 184 milioni di euro.

Georg Steinberger:

“Se si guarda alla crescita dell’Europa orientale, è guidata principalmente dai cambi di produzione provenienti dall’Europa settentrionale e centrale. È positivamente sorprendente la resilienza del mercato high-tech italiano contro i problemi economici nazionali “.

Sul lato prodotto, la crescita è su tutta la linea, un segno per uno sviluppo sano del mercato.

La Logica (Logica specifica dell’applicazione) e le Memorie hanno visto i tassi di crescita più alti, seguiti dalla Logica programmabile.
Tutti gli altri segmenti di prodotto sono cresciuti in modo non proporzionale tranne le singole categorie di prodotti come le Interfacce Analogiche, Memorie Flash o MCU High-End.

Gli IC analogici, come il più grande gruppo di prodotti in DMASS, sono cresciuti del 16,7% a 656 milioni di euro (rappresentano il 30% di mercato DMASS totale).

MOS Micro del 15,6% a 443 milioni di euro, Power del 13,1% a 210 milioni di euro, Opto del 10,2% a 223 milioni di euro, Memorie del 27,9% a 183 milioni di euro e Logica programmabile del 27,1% a 155 milioni di euro.

Georg Steinberger:

“Fuori dalla folla sono le Memorie e i prodotti Logici in generale, la Logica specifica dell’applicazione e DRAM in particolare. La Logica programmabile sta vivendo una crescita più elevata nonostante i cambi di canale dalla distribuzione ai diretti, ma questo potrebbe essere stagionale. Tuttavia, anche senza questi picchi di crescita molto particolari, il mercato della distribuzione in Europa mostra una crescita salda a due cifre. ”

“Il futuro è difficile”, ha affermato Steinberger: “È bello vedere la crescita a due cifre mentre i livelli record continuano, ma con le sfide che ci sono sul canale di distribuzione – se si tratta di un modello di business, di una pressione sui margini o di regolazioni influenti – la prospettiva è dura. Sono sicuro che la distribuzione possa padroneggiare i problemi di cui sopra e trasformarli in interessanti proposte commerciali per i clienti”.

Comments are closed.