La distribuzione cambierà per sempre… Intervista a Georg Steinberger

Nel 2017 i distributori tedeschi hanno registrato vendite record per 3,6 miliardi di euro e gli affari hanno continuato a registrare buoni risultati nel primo trimestre del 2018. Dall’altro lato, la continua pressione sui costi, il rischio di shortage e una situazione politica globale sempre più difficile stanno complicando le cose. Come vedono la situazione gli specialisti della distribuzione? Georg Steinberger, CEO di FBDi (Associazione tedesca per la distribuzione dei componenti elettronici) e di DMASS ci offre la sua visione.

distribuzione_cambiera_per_sempre_intervista_georg_Steinberger_IDEA_Assodel

 

I disaccordi sulla politica commerciale durante il vertice del G7 sono stati evidenti. Quanto pesa l’imprevedibilità della politica estera sul business della distribuzione?

L’effetto della politica estera sull’attività di distribuzione è alquanto sopravvalutato al momento. Ad esempio, pensavamo che il dibattito sulla Brexit avrebbe influito in modo significativo sul nostro mercato, ma fino ad oggi non è stato così. È improbabile che anche il conflitto commerciale e doganale con gli Stati Uniti abbia un impatto immediato sulla nostra attività. Mentre l’industria automobilistica potrebbe essere potenzialmente colpita da eventuali dazi punitivi, non è lo stesso per altri settori industriali.

Oggi come oggi, molti prodotti esportati dalla Germania sono di così alta qualità che non possono essere sostituiti soltanto per un capriccio. Se dovesse esserci un impatto sull’industria automobilistica, questo potrebbe filtrare verso il mercato dei componenti, ma è difficile stabilire un legame diretto tra la politica e il business della distribuzione.

Ciò che potrebbe certamente contribuire all’imprevedibilità nel mercato dei semiconduttori è il fatto che oggi più della metà delle attività associate è condotta in Cina. Le aziende orientate al mercato consumer come Apple e i maggiori contoterzisti come Foxconn hanno una notevole influenza sul mercato. Se la domanda di componenti da parte di clienti di questo calibro dovesse aumentare enormemente, ciò potrebbe sicuramente influire negativamente sulla disponibilità in Europa o in America.

 

Di recente la situazione sul fronte dell’offerta è stata molto tesa. Per quale motivo?

Ci sono diversi fattori responsabili. In primo luogo, c’è una forte domanda da parte dei clienti in tutti i segmenti, una cosa che è evidente in tutto il mondo. Un enorme influenza arriva dal settore consumer – ad esempio PC, smartphone o tablet. Il settore sta subendo un cambiamento generazionale, il che ha un impatto enorme sulla domanda di componenti, sia semiconduttori sia componenti passivi.

Gli analisti di mercato prevedono che la domanda rimarrà costante per i prossimi anni. Ritengono inoltre che negli ultimi anni sia stato investito troppo poco in nuove capacities. Alla luce delle enormi spese in conto capitale necessarie per costruire nuovi impianti di produzione, questo è in qualche modo comprensibile. Una nuova fabbrica di wafer da 300mm può costare tra i 5 e i 6 miliardi di dollari – un rischio enorme quando non è possibile stabilire se la domanda continuerà a salire a lungo termine. Ciò detto, l’attuale situazione di shortage è certamente in parte dovuta alla mancata progettazione dei produttori. Inoltre, le numerose acquisizioni negli ultimi anni hanno comportato la mancata disponibilità di molti per via di una continua ottimizzazione del portafoglio.

L’opinione generale è che gli effetti dei nuovi investimenti si vedranno soltanto a partire dall’anno prossimo.

 

Quali argomenti saranno importanti per la distribuzione nel prossimo futuro?

stessi argomenti che conosciamo negli ultimi anni. L’Internet of Things è diventato parte del mainstream; la connettività internet e l’analisi dei dati sono richieste praticamente in tutte le applicazioni. Questo rimarrà sicuramente un argomento chiave che dovremo affrontare.

E sta accadendo ovunque, in tutti i segmenti verticali, che si tratti di ingegneria medica, automazione industriale o industria automobilistica.

I temi dell’energia e dell’efficienza energetica continuano a essere di interesse. Ovunque guardiamo, la porzione di elettronica (e di software associato) continua a salire. Lo stesso vale per tutto ciò che riguarda la salute e la sicurezza.

 

Le auto elettriche con la loro presenza massiccia di semiconduttori sarebbero facili prede per noi distributori, ma al momento l’argomento manca di slancio. I problemi che circondano la proprietà intellettuale modelleranno anche il mercato e, in questo senso, così sarà la disponibilità. Se un cliente sviluppa un design con un determinato prodotto oggi, in due terzi dei casi sarà un prodotto esclusivo di un determinato produttore. Ci sono poche altre fonti su cui basarsi.

Questo è il lato tecnologico. Dal punto di vista del processo, vedremo e sentiremo una maggiore dinamica nell’ulteriore digitalizzazione dei processi aziendali. Il modello di distribuzione cambierà per sempre, con nuove opportunità in termini di servizi e interazione.

 

Cosa vorrebbe dall’arena politica? Quali interventi ritiene necessari?

Il problema fondamentale è cosa l’unità europea e l’Unione europea intenda simboleggiare e perché questo venga continuamente messo in discussione. Da un punto di vista economico, l’UE è una benedizione. Ha raggiunto molto nella politica finanziaria e nel commercio internazionale. Considero i processi legislativi a Bruxelles positivi, perché armonizzano i numerosi processi individuali. È meglio disporre di un corpus unico di legislazione internazionale rispetto a 28 istituzioni legislative che affrontano tutti gli stessi argomenti. La politica europea dovrebbero concentrarsi di più sulle virtù dell’unità europea e non semplicemente dicendo “noi siamo europei, ma …”.
La regola base della comunicazione è che qualsiasi cosa prima di un “ma” è una bugia. Questi politici dovrebbero smettere di “giocare” e difendere realmente l’Europa.

 

L’articolo integrale sarà pubblicato sul prossimo numero della Newsletter IDEA.

 

Potrebbero interessarti anche:

Distribuzione, lo scenario cambia. Bisogna evolvere

Assodel, il mercato cresce del 10%

Comments are closed.