Brevetti, l’UE cresce e l’Italia vola

Con quasi 166mila domande ricevute, il 2017 è stato un anno decisamente d’oro per i brevetti. Lo conferma lo European Patent Office (EPO), evidenziando l’ottimo andamento.  La supremazia mondiale è ancora delle realtà USA, ma nel frattempo la Cina avanza ulteriormente.

Tornando però al livello europeo, con quasi 166mila domande, un aumento del 3,9% e un massimo storico l’EPO sottolinea come il 2017 sia stato “un anno positivo per l’Europa”, ha affermato il presidente dell’EPO Benoit Battistelli, e questo grazie agli sforzi sostenuti per migliorare la qualità e l’efficienza, l’ente ha pubblicato 106mila brevetti europei garantiti nel 2017, in aumento del 10,1% rispetto all’anno precedente.

Italia è nella top ten mondiale per numero di brevetti

Tra i Paesi più dinamici in questo senso c’è l’Italia. Decima assoluta mondiale, la nostra nazione per crescita percentuale segna un +4,3%, il miglior risultato tra i paesi europei nella top ten.

A livello globale, i cinque Paesi più attivi nel 2017 sono Stati Uniti, Germania, Giappone, Francia e Cina, che hanno registrato un aumento a due cifre (+ 16,6%). Il Giappone, con il 3,5% in più di domande nel 2017, è tornato a crescere dopo diversi anni di cifre in calo. Il vento di crescita è tornato a farsi sentire anche negli Stati Uniti (+ 5,8% nel 2017) dopo un calo delle domande nel 2016, che ha avuto un effetto trainante sui cambiamenti introdotti dalla legge sui brevetti negli Stati Uniti nel 2013. L’unica eccezione significativa, in questo trend positivo, è la Corea del Sud, che ha visto crollare le domande (-8,2%) nel 2017 dopo due anni consecutivi di crescita.

Aziende: l’hi-tech domina

Se si considerano invece le aziende, a livello assoluto la Huawei ora guida la classifica, prima realtà cinese a imporsi, venendo prima di Siemens, balzata dal sesto al secondo posto, seguita da LG, Samsung eQualcomm. Guardando poi alle categorie tecnologiche in cui rientrano le domande di brevetto, quella medica rimane il campo con il maggior numero, seguito dalla digital communication e dall’informatica. Tra i migliori risultati va segnalato il comparto dei semiconduttori: con un +13,5% rispetto alle domande 2016, è la terza voce che evidenzia la crescita maggiore in assoluto.

 

Potrebbero interessarti anche:

Il mercato dell’elettronica continua a crescere, parola di Assodel

Assodel Award, premio all’industria e all’innovazione tecnologica

Comments are closed.